Quando l’Economist Appoggio’ Berlusconi

20Nov08

Rottura della tradizione antiberlusconiana, sull’Economist della settimana scorsa, con un articolo addirittura a favore del Ministro Gelmini: “A Case for Change – Universities desperately need reform—yet resist change“.

Invece della solita tiritera su questa o quella marachella o manchevolezza di Silvio, ci viene detto che le universita’ italiane hanno disperatamente bisogno di essere riformate; il Governo vuole abbassare l’eta’ della pensione per i professori universitari da 72 a 70 anni; la mancanza di fondi probabilmente non e’ il piu’ grande problema del sistema accademico italiano, ma il sistema dei Baroni che controllano “la vita e la morte” nell’Universita’, quasi fossero in un sistema feudale, con gran numero di posti accademici distribuiti a parenti prossimi; la mediocrita’ regna uniforme; solo il 17% degli Italiani ha un’istruzione universitaria, invece che il 34% come dalla media dei Paesi dell’OECD; ben il 55% delle matricole non termina il corso di laurea, neanche breve; etc etc.

Le idee della Gelmini, insomma, “meritano di essere ascoltate“. Chissa’ cosa se ne dice, fra una protesta (yawn!) e l’altra…



No Responses Yet to “Quando l’Economist Appoggio’ Berlusconi”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: