Bagnasco Ha Ragione!!!

19Set07

Evidentemente, la forza dell’insegnamento Cristiano non basta: bisogna legiferarci sopra.

====================================

Mons. Angelo Bagnasco, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, denuncia:

l’Italia “sta attraversando una grave crisi morale in cui sono diffusi comportamenti criminali che non trovano soluzione ed è ”illusorio sperare in un improvviso quanto miracolistico rinsavimento’. C’è invece bisogno di ‘una ricentratura profonda dei singoli soggetti e degli organismi sociali, sul senso e sulla ragione dello stare insieme come comunità di destini e di intenti'”.

E ha perfettamente ragione.

Ecco infatti una serie di esempi di “comportamenti criminali”: estorsione (indagato: Antonio Buoncristiani, Arcivescovo di Siena); incendio doloso, calunnia e truffa (indagato: mons. Giuseppe Acampa, economo della Curia di Siena); violenza sessuale su minorenni (indagato: don Lelio Cantini, Parroco a Firenze); gestione disinvolta del patrimonio immobiliare della Curia (sospettato: Claudio Maniago, vescovo ausiliare  alla diocesi di Firenze), nonche’ copertura delle attivita’ di don Cantini, e partecipazione a festini gay (questo non e’ certo un crimine, fra maggiorenni, ma insomma, in un Vescovo ausiliare della Chiesa Cattolica sembra davvero un sintomo di “grave crisi morale”…); e abusi sessuali (indagato: don Pietro Gelmini).

Tutti innocenti fino a prova contraria, ovviamente: ma che disastro che sarebbe, se anche uno solo di quelli fosse dichiarato colpevole in un tribunale.

L’unica buona notizia e’ che non ci sono ecclesiastici italiani sotto processo in Argentina per aver favorito la pratica delle torture da parte della dittatura militare durante la tragedia dei Desaparecidos. Ce n’e’, un prete che aspetta la sentenza per un comportamente cosi’ infame, ma il suo nome e’ chiaramente tedesco.

Ahi, questa Chiesa nella (e che mi) tormenta! Sara’ possibile, all’interno della CEI, un “miracoloso rinsavimento”? Riusciranno, i Vescovi italiani, a ricentrare profondamente se stessi e la comunita’ della Chiesa, “sul senso e sulla ragione dello stare insieme come comunità di destini e di intenti“?

Ai posteri…direbbe il Manzoni. Campa cavallo, verrebbe da rispondere: perche’ l’occupazione principale di Bagnasco e’ quella di far scrivere le leggi secondo i suoi precetti morali.

Evidentemente, la forza dell’insegnamento Cristiano non basta, bisogna legiferarci sopra.

Preghiamo: Quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt Dei Deo (Mt, 22:21)

Quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt Dei Deo!
Quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt Dei Deo!
Quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt Dei Deo!
Quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt Dei Deo!
Quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt Dei Deo!



9 Responses to “Bagnasco Ha Ragione!!!”

  1. Non si capisce cosa c’entri la Chiesa in quanto tale se alcuni suoi membri fanno cose che non funzionano… La Chiesa sono anche io. Questa vostra maniera scorretta e insulsa di scambiare Chiesa con Vaticano… Quando leggeremo un post così fatto a proposito di quello che dicono i politici? Vuoi proprio costringermi ad andare a leggere il blog di Beppe Grillo con le sue menate ambientaliste, il V-Day e compagnia bella?
    Poi, quanto meno scrivere post con gente condannata, non con gente sospettata o indagata, che magari domani si rivelerà innocente, ma a te non passerà neanche per la mente di segnalarlo…

    Ah i radicali, meno male che sono pochi in Parlamento e anche fuori, ridotti a fare meno danno possibile…

  2. Segnalero’, segnalero’…ma vedo che ti sfugge l’ironia di tutti questi pasticci proprio quando il Presidente della CEI decide di dirci che l’Italia e’ in crisi morale, e che bisogna scrivere le leggi dello Stato secondo i dettami della Chiesa

    Comunque presumi male. Sono Cattolico anche io. E’ per questo che richiamo al Vangelo.

  3. 3 3nom1s

    Ammazza quanto rosica!

  4. Maurizio, hai perfettamente ragione…
    Ma vedi, il pragmatismo mi dice che utilizzando questa logica, dovremmo stare zitti tutti quanti, perché di scheletri ne sono pieni gli armadi di tutti gli italiani, soprattutto quelli dei politici… Quindi criticare la Chiesa quando fa queste uscite e poi dare il voto a chi fa peggio, mi sembra un controsenso…

    «Ammazza quanto rosica!»
    Io non rosico… Quello che scrive Maurizio “contro” il Vaticano in confronto a quello che si trova in rete è panna montata… È un agnellino, quindi il problema non si pone neanche…
    È la logica di molti dei suoi post che a mio parere difetta, però sai, ognuno ha le sue idee e il suo modo di vedere e giudicare le cose…

  5. Per Simone82: mi meraviglio che ne’ Bagnasco, ne’ tu, vi siate ancora ricordati della pagliuzza e della trave (e dello scagliare della prima pietra).

    La logica, e il Vangelo, non dicono di stare zitti, ma che bisogna cominciare ognuno mettendo a posto il suo, invece di incolpare “gli altri”

  6. 6 Simone82

    Più che altro mi sembra che tu non ti sia accorto che quanto ho scritto è proprio in virtù della pagliuzza e della trave. Forse tu ti sentirai il puro che può scagliare la prima pietra (e non solo, magari anche la seconda, la terza e così via seguitando), e sono sicuro che sia così, ma in virtù di quella parabola si dovrebbe dire che nessuno può parlare in questo mondo.
    Quando dico che ognuno ha i suoi scheletri, è proprio per questo motivo: perché Bagnasco, alias “Vaticano”, alias in qualche modo “Chiesa cattolica” intesa come comunità globale dei suoi appartenenti, dovrebbe tacere e fare silenzio per seppellire i suoi scheletri, mentre al contempo politici, detrattori e quant’altri possono continuare a riempirci la testa di balle quando i loro scheletri non riempiono armadi, ma migliaia e migliaia di container? Poi magari ci si meraviglia se periodicamente spuntano fenomeni di piazza alla Moretti o alla Grillo, che spariscono nel giro di qualche mese ma che in quel tempo rischiano di fare più danni che altro…

    http://www.paginecristiane.it/?p=1440

  7. Per Simone 82:

    Non mi sembra che, dopo aver parlato della pagliuzza e della trave, o della pietra, Gesu’ abbia dato l’esempio di stare zitto. E neanche gli Apostoli hanno fatto silenzio.

    Mi sembra che quell’immagine voglia anzi dire che bisogna cominciare da NOI e dai NOSTRI invece di andare sempre a parlare dei difetti degli ALTRI.

    E’ per questo che come Cattolico ho il DOVERE di criticare Bagnasco quando ripete la solita litania tutta italiana che le colpe e i problemi sono negli ALTRI, invece di occuparsi IN PRIMIS se non IN ESCLUSIVA della Chiesa, dei preti depravati, dei preti ladri, dei preti arrivisti, delle sepolture religiose per i mafiosi assassini e non per Welby, della totale assenza di misericordia nel tenere lontani dalla Comunione coloro che hanno subito un divorzio o hanno deciso di abbandonare un coniuge magari violento, etc etc etc.

    C’e’ poco da predicare che “chi e’ deluso della propria comunita’ esamini se stesso” se poi si razzola in maniera decisamente opposta (e a proposito, no, non sono deluso della mia comunita’)

    La Chiesa, comunque, dei politici, dei detrattori, delle campagne stampa non se ne dovrebbe importare una benemerita mazza da baseball. E invece ecco le gerarchie sempre pronte a entrare in politica, e a parlare in modo da non offendere, e non scandalizzare

  8. «invece di occuparsi IN PRIMIS se non IN ESCLUSIVA della Chiesa»
    La Chiesa sono anche io, quindi occuparsi della Chiesa significa già indicare delle strade che ogni cittadino dovrebbe percorrere se vuole appartenere ad una comunità, anche e soprattutto quando decide chi deve amministrare la società…

    «dei preti depravati, dei preti ladri, dei preti arrivisti»
    Sarebbe bellissimo eliminare quel 5% di preti inutili e dannosi, ma sognare la società del Mulino Bianco resta una utopia come il comunismo. D’altronde, sarebbe anche bello eliminare gli uomini depravati, gli uomini ladri, gli uomini arrivisti laici, atei o credenti che siano dalla società normale, ma gli statistici chiamano queste persone “fisiologia di una società”. Eliminare la fisiologia è fare propaganda… Chi c’ha provato ha fatto centinaia di milioni di morti…

    «delle sepolture religiose per i mafiosi assassini e non per Welby»
    Eliminare le sepolture per i mafiosi non significa darle a Welby… E poi c’è sempre il pentimento (anche se io credo poco al pentimento di certa gente), cosa che Welby non ha mai manifestato. Ergo, Welby non aveva alcuna voglia di appartenere ad una determinata comunità, non si capisce per quale motivo lo ci si debba infilare per forza. Perché siamo in Italia ed è cultura essere sepolti con rito cristiano? Ma per favore…

    «della totale assenza di misericordia nel tenere lontani dalla Comunione coloro che hanno subito un divorzio»
    La misericordia non c’entra una mazza. Ognuno è libero di vivere la vita che ritiene migliore per sé, ma chi vuole vivere all’interno di una comunità ne accetta regole, anche e soprattutto quando ci sembrano scomode… Oppure pensi che la Comunione sia come una caramella, che si dà a chi la vuole? La Comunione è ben altro, e viene offerta a chi fa parte di una comunità condividendone regole, precetti, oneri e onori. Chi non vuole portare la propria croce può starsene anche a casa, non abbiamo bisogno certo di lui…

    «o hanno deciso di abbandonare un coniuge magari violento»
    È una stupidata. Mai sentito parlare di “annullamento”? Il coniuge violento lo era pure prima di diventare tale: chi non è capace di fare scelte adeguate, non si lamenti dopo. Chi vuole tornare all’interno di una certa condotta di vita, lo fa tornandovi attraverso le regole. La Chiesa ha previsto l’annullamento proprio per questo… Non per escludere chi sbaglia, ma per riaccoglierlo nel modo giusto…

    «E’ per questo che come Cattolico ho il DOVERE di criticare Bagnasco quando ripete la solita litania tutta italiana»
    Certo, fai benissimo. Ma farlo con la litanica propaganda anticlericale in una marmellata di luoghi comuni farciti di populismo, non produce alcun miglioramento. Anzi, dimostri soltanto che Bagnasco ha ragione a dire quello che ha detto…

  9. 9 3nom1s

    Simone82, dai non te la prendere. E’ giusto dire quello che si pensa senza avere problemi di quello che ci si sente rispondere, anche se non corrisponde esattamente a quello che noi pensiamo. E poi stavo scherzando su “quanto rosica…”, ma non puoi negare che ci poteva stare…
    Un saluto a entrambi i concorrenti!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: