La Chiesa Nella (e che mi) Tormenta

17Ago07

Questa e’ una Chiesa che amo ed e’ anche una Chiesa che mi tormenta
– Padre Walter H. Cuenin, ex Parroco a Newton, Massachusetts

Ormai siamo arrivati al punto che quando un prete o un cardinale vengono accusati di molestie sessuali, non e’ piu’ una notizia cosi’ grossa come sarebbe stato pochi anni fa.

E’ come se il mondo del giornalismo si stesse assuefando all’idea, cominciando a considerare “normale” la devianza quando accade nel clero, in una specie di condanna definitiva e senza appello che dovrebbe preoccupare non poco anche se paradossalmente rende la vita degli accusati piu’ facile.

Come si dice, a furia di tirar fango, qualcosa rimane sempre appiccicata: ma soprattutto, viene da rispondere, quando c’e’ incapacita’ a rispondere seriamente.

Cosa mai hanno combinato nel frattempo, infatti, all’interno della gerarchia Cattolica?

Perche’ non hanno ancora sostanzialmente preso il toro per le corna?

Come mai si sentono ancora scuse di vario genere focalizzate ad arroccarsi in un castello di paglia, invece che una decisa presa di posizione con il coinvolgimento anche della Magistratura, in Italia e altrove, laddove si parla di reati gravissimi come la violenza sessuale su minori?

Chi ha mai pensato che fosse cosa buona e giusta abbandonare fino ad oggi il “debole”, i bambini e i ragazzi presunte vittime del prete di turno ma che comunque devono affrontare il Calvario della testimonianza di fronte a un investigatore o a un giudice?

Perche’ si e’ cercato di appoggiare l’accusato sempre, e comunque ben oltre quanto ci si puo’ aspettare da uno “spirito di corpo” fra ecclesiastici, senza lesinare insinuazioni volte ?

Una delle poche buone notizie su questo fronte, ultimamente, e’ stata la richiesta ufficiale di perdono da parte del cardinale Roger Mahony, capo dell’arcidiocesi cattolica di Los Angeles, “per gli abusi sui minori compiuti dai prelati cattolici dagli anni ’40 fino ai giorni nostri.

Una delle poche.

Perche’ c’e’ voluto cosi’ tanto tempo?

* Forse perche’ preti e cardinali sono tutti cattivi-complici dei seviziatori?
Un’idea troppo strana per essere vera. Si tratta pur sempre di quel clero che ha dedicato la vita agli ideali Cristiani.
E poi le cospirazioni, piu’ sono grosse e meno sono credibili (e fattibili)

* Forse per paura, per evitare di richiamare approfittatori capaci di inventarsi storie per ricattare le varie Diocesi?
Sarebbe un fasciarsi la testa con un po’ troppa gagliardia. Dove mai sono, tutti questi mitomani? E quand’anche ci fossero, non dovrebbero essere essi stessi oggetto di lavoro e recupero per una Comunita’ di Cristiani, invece che scusa per non proteggere adeguatamente i bambini?

* Forse per evitare lo Scandalo alla Chiesa? Forse perche’ il mero pensiero che alcuni sacerdoti si siano comportati in maniera cosi’ abietta, e’ contrario a tutto cio’ in cui si crede: e quindi la fiducia va sempre e comunque riposta nel clero?
Ma questa sarebbe una visione da servitori di Dio e Mammone, Cristiani a chiacchiera ma pronti ad anteporre l’entita’ “Chiesa” alle necessita’ di ogni fedele, e soprattutto alle necessita’ dei fedeli piu’ indifesi quali i bambini.
Alla Chiesa si puo’ pure dedicare la propria vita: ma l’anima, quella meglio riservarla sempre e solo al Creatore.

* Forse per ignoranza allora, perche’ la violenza sessuale nei confronti di minorenni da parte di una figura di autorita’ quale puo’ essere un prete, e’ stata considerata un problema di ordine morale su cui magari dover discutere e riflettere, invece che una patologia quale essa e’?
Questo punto merita qualche considerazione.
E’ da alcuni secoli che il celibato sacerdotale e’ stato imposto in quasi tutta la Chiesa Cattolica, anche se si ripete sempre che non e’ da considerare un dogma di fede. Dopotutto, le comunita’ Cattoliche di rito Albanese i preti sposati li hanno eccome.
Ma in un ambiente dominato completamente da chi ha fatto voto di rinunciare ad avere una partner, e’ naturale che il problema della sessualita’ venga misinterpretato (si pensi a Giovanni Paolo II che praticamente dichiaro’ di considerare peccato il desiderio del marito per la moglie).
Nell’ipotesi quindi che ci sia buona fede in quasi tutti (ipotesi senza la quale e’ inutile continuare a stare nella Chiesa), non e’ irragionevole pensare che non si sia capito fino in fondo l’orrore della “tripla devianza”, l’”incesto traditore” di chi approfitta di bambini e minorenni nella tripla veste, talare, di adulto e di “genitore spirituale”.

———————

Tutto considerato, l’impressione e’ che l’ordine di tacere, nascondere e minimizzare sia arrivato dall’alto, il che vuol dire la Curia Romana, dove evidentemente da un lato si fidavano poco dei loro pastori, e hanno temuto che il problema degli abusi sessuali fosse piu’ pervasivo di quello che e’, e potesse esplodere sui giornali se rivelato appena un po’.

E dall’altro lato hanno deciso di sperare che il problema se ne andasse da solo, scommettendo di poterlo nascondere (e perdendo la scommessa), magari proprio dopo averlo malinteso come una semplice questione morale.

Cosa fare? Cominciamo da un po’ di realismo:

  • Gli innocenti, naturalmente, esistono.
  • Essere accusati di molestie sessuali non vuol dire esserne colpevoli
  • “Certe cose” accadono in altri gruppi e in altre confessioni religiose, un po’ ovunque ci siano dei bambini e l’attrazione maligna dal potere.
  • Esistono anche molti commentatori che evidentemente gioiscono nel poter mettere in difficolta’

PERO’

  • Esistono sacerdoti colpevoli di quelle azioni che e’ poco dire abominevoli. Considerata la mia esperienza personale, il problema e’ diffuso ma non troppo: tutto quello che ho mai saputo, sono state storie riguardo “amici di amici”.
  • Non e’ fantasioso pensare che alcuni individui, orripilati dopo aver scoperto di essere sessualmente attratti da bambini e minorenni, cerchino di espiare questa “colpa” e guarire dai loro problemi entrando in un clero dove ogni sessualita’ e’ repressa: magari poi per fallire, e ricadere nel “peccato”
  • I maldestri tentativi viste fino ad oggi hanno trasformato parte della Chiesa, in sostanza e in immagine, in una cattiva, impietosa matrigna.
  • Altre scrollatine di spalle faranno del male un po’ a tutti: Chiesa, gerarchia, fedeli, colpevoli, e naturalmente alle vittime.

Facile immaginare allora come procedere:

  • Riconoscere il problema, non puntare il dito altrove. C’e’ una ferita, anzi migliaia di ferite che non possono richiudersi finche’ il pentimento dell’organizzazione-Chiesa non arrivera’ a compimento.
  • Interrompere subito e per sempre complicati discorsi di discolpa da lana caprina
  • Smettere ogni tipo di distinguo (per esempio fra rapporti sessuali con bambini prima della puberta’o ragazzi).
  • Astenersi da scuse di ogni genere
  • Cominciare con il lavare i panni sporchi in pubblico, invece che perdere ulteriore tempo nell’inutile copertura dell’incopribile, e nella stupida difesa dell’indifendibile. Sicuramente, un prete innocente di fronte a Dio non ha nulla da temere.
  • Affrontare il problema della sessualita’ repressa nel clero: individuare e aiutare chi cerca nella stola la guarigione ai suoi problemi. E naturalmente, permettere all’uomo-prete di essere uomo completo, con una famiglia.
  • Aprire la Chiesa al mondo reale, in modo da evitare che la gerarchia viva nel proprio universo.
  • Finirla una buona volta con la religione contabile, che fa officiare Messa a chi ha violentato dei bambini ma rifiuta la Comunione a chi e’ stato abbandonato dal coniuge, o lo ha abbandonato per poter tornare a vivere una vita decente e serana; e il Battesimo a chi e’ nato senza colpa da una coppia non sposata secondo il rito.

E perche’ no, recuperare l’immagine, perche’ l’immagine conta. Altrimenti il Papa non andrebbe in giro sempre vestito di bianco.



One Response to “La Chiesa Nella (e che mi) Tormenta”


  1. 1 Bagnasco Ha Ragione!!! « Maurizio Morabito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: