Indulto: Il Disastro che Non Fu

04Mar07

Tante chiacchiere contro il recente indulto? Il solito populismo.

Ecco un po’ di numeri che parlano da soli, vanno contro il pregiudizio corrente, e quindi vengono messi a tacere (fonte: Notizie Radicali):

Nelle carceri adesso:39.827 detenuti, 42.000 posti disponibili

Tasso di recidiva: 11.1% (2’855 su 25’694 “indulti”)
Recidiva fra detenuti non “indulti”: 60%
Fra italiani: 12.28%; fra extracomunitari: 10.59%

Denuncie di reati: luglio-dicembre 2006: 1.310.000; luglio-dicembre 2005: 1.308.113
“Aumento” dopo indulto: 0.15% (troppo esiguo per avere significato)



6 Responses to “Indulto: Il Disastro che Non Fu”

  1. 1 Mario

    Non è questione di statistiche: anche una sola vita umana persa a causa dell’indulto è un disastro irreparabile.
    “BERGAMO – Per tre volte, forse, la giustizia italiana avrebbe potuto prevenire la fine di Luigia Polloni, la commessa sessantatreenne trovata morta mercoledì sera in un colorificio a Caravaggio, in provincia di Bergamo. L’ assassino è un tossicodipendente, Vincenzo D’ Errico, 37 anni, originario di Rodi Garganico, in provincia di Foggia, ma residente a Caravaggio. Libero per l’ indulto, il 7 febbraio aveva aggredito una vecchietta minacciandola con una siringa: è stato arrestato e poi rimesso in libertà. Il 22 è tornato a colpire, aggredendo la titolare di un negozio di alimenti per animali: la donna, terrorizzata, denuncia l’ episodio cinque giorni dopo, cioè martedì. I carabinieri chiedono subito il fermo alla procura ma l’ indomani ai militari non arriva ancora alcun ordine. Ed è già troppo tardi: la stessa mattina in cui avrebbe dovuto essere arrestato”
    La Rebubblica 2 marzo 2007

  2. 2 VoxNova

    Mah, sarà! Io sò solo che in comune, da quando grazie all’indulto hanno rimesso in circolazione tre individui assai loschi, gli svaligamenti delle case sono ripresi allegramente. Quindi i casi sono due: semplice coincidenza o i tremila miei concittadini hanno la sfiga con mé di fare parte di quello 0,15%. Una cosa soltanto: perché in queste cose ci finisco sempre dentro e non faccio mai parte del restante 99.85%? Pazienza e alla prossima. Stammi bene.

  3. Per Mario: non e’ che il D’Errico fosse un ergastolano, eh. Sarebbe semplicemente uscito piu’ tardi.

    E poi questa storia dell'”anche salvare una sola vita umana” ha senso solo ad un’analisi superficiale. Perche’ per esempio non stabilire il coprifuoco tutti i venerdi’ sera? Hai voglia a vite umane che si salverebbero, sulle strade italiane.

    Oppure perche’ non togliamo i bambini ai genitori, visto che la maggiore parte delle nefandezze accadono fra le mura domestiche? E cosi’ via…

    Per VoxNova: anche io sono stato a suo tempo derubato. Capita. Capitava prima dell’indulto, e continua a capitare dopo l’indulto

  4. 4 VoxNova

    Capisco cosa intendi, però ritengo che in Italia il problema non sia quello per cui si arriva all’Indulto, ma bensì la certezza della pena. Sono in tanti e non ci stanno nelle carceri? Diamo loro i mezzi e facciamogli costruire a basso costo i loro istituti di pena, magari facendoli specializzare sui vari lavori annessi e connessi a simili opere. Così, quando ne usciranno, il carcere avrà dato loro una possibilità di effettivo reinserimento con un’alternativa concreta. Su cose simili si possono costruire buoni progetti. Su scorciatoie come l’Indulto si costruiscono solo disastri, per quanto piccoli possano essere.
    Ho semplificato molto, perché mi manca il tempo, ma sono certo che afferrerai il succo di quanto scritto. Ogni bene e alla prossima.

  5. Per VoxNova: il guaio e’ che in Italia, come dice Cossiga, un governo che non fa niente si vede premiato con il potere. E quindi una riforma carceraria seria e comprensiva e’ di la’ da venire, e al massimo possiamo aspettarci iniziative minime come l’indulto

  6. 6 VoxNova

    E su questo sono daccordo, purtroppo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: